L'uomo di Altamura

10.09.2021

Di Matteo Straccia


Vorrei dirti di non aver paura

che quel cranio fiorito di calcare

appartiene ad un passato remoto

vorrei dirti che oggi non avviene

che è solo una favola non diversa

da Cappuccetto o Barbablù

la storia d'un tempo che fu.


Vorrei tacerti che anch'io sono caduto

nel pozzo stretto e senza uscita

d'una modesta condizione borghese

- le bollette il conto in banca la spesa

il caffè a colazione il pane quotidiano

il consuntivo alla fine del mese -

un budello da cui non c'è salita

un incidente una prigione dove

come Ciccillo aspettare la morte

la fronte sulle braccia le braccia

sulle ginocchia

                             la vita altrove.