Repuote

13.01.2021

Di Eugenio Cirese


Ottant'anne so tante a fa la conta 

e tante pe suffrirle; 

ma quande z'arraconta

 e sò passate, 

iè come fusse state nu salustre; 

na lampa e può lu scure. 

lu decive tu pure: 

-Eh, la vita che iè? 

Ciuciù, ciuciù, ciuciù 

Vuvu, vuvu. 

E può? 

Na iaperta de vocca e iè finite


TRADUZIONE:

Ottant'anni sono tanti a fare il conto/ e tanti per soffrirli; /ma quando si racconta/ e sono passati, / è come se fosse stato un lampo: / una fiammata e poi lo scuro. Lo dicevi tu pure:/ Eh, la vita che è?/ Ciuciù ciuciù ciuciù,/ vuvù vuvù./ E poi?/Un'apertura di bocca ed è finita.... 


TRATTO DA: Oggi domani ieri. Tutte le poesie in molisano, le musiche ed altri scritti, a cura di A.M. Cirese, Isernia, Marinelli, 1997.