SOCIETÀ & ECUMENE
 

Repuote

13.01.2021

Ottant'anne so tante a fa la conta

Padre

08.01.2021

Giny si svegliò di soprassalto. Aprì gli occhi e si guardò intorno. Il suo cellulare stava squillando. Allungò lentamente il braccio intorpidito e afferrò l'apparecchio. Odiava interrompere il sonno in quel modo, perché le faceva venire il mal di testa. Appena lesse il nome sul display, però, si rilassò e fece tap sull'icona verde.

Se qualcuno mi chiedesse: "Qual è una domanda che ti mette davvero in difficoltà?" io risponderei così: hai fratelli o sorelle? Probabilmente chiunque ne rimarrebbe del tutto stupito.

Ogni cosa stava andando per il meglio, come avevamo sperato, ma l'aria gelida della notte aveva il pungente odore del sangue. Qualcuno si sarebbe certamente accorto in breve tempo di quello che stava per accadere. Solo io e Lei, però, potevamo conoscere il motivo di tutto ciò. Lei, Lei era così pura un tempo. Candida, senza peccato. Chissà cosa...

E una discussione aperta a seguito di tale documento poneva l'accento su molti aspetti specifici dell'incompetenza linguistica, non solo quella generale degli italiani (ben nota in un Paese in cui si è sempre letto poco e che presenta vaste aree di illitterazione, primaria o di ritorno), ma quella degli studenti universitari e in particolare dei...

Potrei fare un elogio sperticato delle biblioteche. Potrei paragonarle a dei templi, definire sacro il loro contenuto. Potrei tentare di ingraziarmi il lettore facendo ricorso a tutta una serie di cliché privi di sostanza ma molto popolari. Potrei perfino citare Benedict Anderson e le sue comunità immaginate, e sostenere con enfasi - applicandomi...

Natalia Ginzburg. Credo sia lei ad aver ispirato il libro della Sarti. Non direttamente, certo. Ma aver avuto nell'88 Carlo Ginzburg come relatore secondo me deve aver contato qualcosa . Si pensi a "Le voci della sera" o a "Lessico Famigliare": se questi due romanzi della Ginzburg non sono tecnicamente classificabili come "etnografia" è solo perché...